Service Finder

Verifiche periodiche apparecchi di sollevamento

Verifiche per il mantenimento dei requisiti di sicurezza

Le verifiche ispettive (iniziali e periodiche)  degli apparecchi di sollevamento rispondono all’obbligo di legge previsto dal Testo Unico Sicurezza.
Gli apparecchi di sollevamento che devono  essere sottoposti a verifica sono: carrelli semoventi a braccio telescopico, piattaforme di lavoro autosollevanti su colonne, ascensori e montacarichi da cantieri con cabina/piattaforma guidata verticalmente.

Contesto normativo

I principali riferimenti di legge per questo servizio sono:

Iter di verifica

Prima verifica: presentare la richiesta alla sede INAIL competente territorialmente, indicando RINA come Soggetto Abilitato.

Qualora INAIL non provveda ad effettuare la verifica, dal 46° giorno il Datore di Lavoro si può rivolgere direttamente al Soggetto Abilitato che procederà con l’effettuazione della verifica.

Verifiche periodiche successive alla prima: con la periodicità prevista dall’Allegato VII del D.Lgs. 81/08 e almeno 30 giorni prima della scadenza del relativo termine, il Datore di Lavoro deve richiedere a RINA l’esecuzione della verifica, senza dover trasmessere nessuna altra domanda all’ASL o ARPA territorialmente competente.

Perché RINA?

Dal 2012 RINA è  Soggetto Abilitato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali per l’effettuazione delle verifiche delle attrezzature di cui all’allegato VII del D.Lgs 81/08.
Operiamo da circa vent’anni anni come Organismo Notificato per la Direttiva Macchine, con particolare esperienza su attrezzature di sollevamento con rischio di caduta verticale superiore a 3m.
Siamo Notificati e Accreditati sia per la certificazione di tali macchine, sia per la certificazione del Sistema di Gestione dei Fabbricanti di tali prodotti.
Inoltre dal 1999 siamo Notificati e Accreditati per la Direttiva Ascensori, certificando prodotti, certificando il sistema di gestione degli installatori, effettuando visite ispettive periodiche e straordinarie ai sensi del D.P.R. 162/99.
Dal U.N.M.I.G. autorizza la nostra collaborazione in ambito di progettazione, costruzione e verifiche degli apparecchi di sollevamento installati su unità “offshore”.
Inoltre certifichiamo i mezzi di sollevamento sistemati a bordo delle navi per soddisfare le disposizioni emanate dall’Amministrazione Italiana e in applicazione della ILO Convention.

FAQ

Come presentare domanda per la prima verifica dopo la messa in esercizio?
La domanda va presentata a INAIL utilizzando la modulistica presente sul sito INAIL. In caso di mancata risposta, dopo 45 giorni è possibile rivolgersi a uno dei Soggetti Abilitati. Per le verifiche periodiche successive alla prima, la richiesta potrà essere presentata direttamente al nostro team.

In assenza di risposta da parte INAIL, posso richiedere la prima verifica a un Soggetto Abilitato anche in assenza del numero di matricola rilasciato da ISPESL/INAIL?
Prima di inoltrare la richiesta è necessario sollecitare il rilascio della matricola da parte di INAIL.


Come fare per macchine non marcate CE e che ancora non hanno avuto la prima verifica periodica?

Per queste macchine la competenza per la prima verifica rimane esclusivamente di INAIL. Le verifiche successive possono essere richieste al Soggetto Abilitato.

Risorse

Potrebbero interessarti anche