MARIN - Monitoraggio Ambientale Remoto Integrato Navale

Sviluppo di un'innovativa piattaforma marina multi-funzionale senza pilota per scopi di monitoraggio ambientale e sorveglianza

Sfida

Il breakthrough tecnologico per il mercato delle forniture navali consiste nella possibilità di gestire un mezzo in maniera completamente autonoma, senza richiedere la presenza di personale a bordo (concetto di “nave unmanned”).

Il trend di sviluppo delle tecnologie di automazione navale sta procedendo gradualmente verso questo traguardo finale, seppure la gestione “unmanned” rappresenti ancora una visione futura.
In questo scenario, la sfida del progetto MARIN (2019-2022) è dimostrare la fattibilità tecnologica di un sistema unmanned per il monitoraggio ambientale, composto da una piattaforma navale, un sensore acustico di superficie, una squadra di droni aerei e una stazione di comando e controllo terrestre per la gestione da remoto. 

RINA partecipa al progetto MARIN con l’obiettivo di sviluppare innovative soluzioni di sorveglianza, basate su sistemi acustici, per diversi mercati tra cui difesa, nautico, aeronautico, ricerca e sviluppo, etc.

La soluzione proposta è innovativa per il settore, poiché si tratta di una soluzione passiva e, conseguentemente, immune da ogni interferenza elettromagnetica (e.g. jamming radio). Questo aspetto promuoverà il mercato dei sistemi di sorveglianza costiera e urbana “green” e in grado garantire una riduzione dell’inquinamento elettromagnetico, uno dei principali limiti dei sistemi tradizionali.
La soluzione proposta, controllabile da remoto, sarà installata su un veicolo di superficie senza equipaggio (UVS) e validata in ambiente operativo. La crescente richiesta di servizi ISR (Intelligence, Surveillance and Reconnaissance), monitoraggio della qualità delle acque, sicurezza marittima sulle minacce (e.g. pirateria e terrorismo), necessità di dati oceanici e mappatura sono fra i fattori principali che guideranno il mercato degli UVS.

Il nostro ruolo nel progetto

RINA ha messo a disposizione del Progetto MARIN specifiche competenze relative a sistemi acustici per attività di monitoraggio e sorveglianza, acquisite nel corso di altri progetti di Ricerca e Sviluppo (e.g. AUDIS, Guardian).

Contribuiamo a MARIN attraverso lo sviluppo, implementazione e validazione di un sistema integrato costituito da innovativi sensori acustici passivi, una camera termica e una videocamera, per supportare scenari di ricerca e soccorso (SAR) e tracking di droni aerei. Lo sviluppo del sistema finale passa attraverso i seguenti step intermedi: definizione dei requisiti, progettazione del sistema, sviluppo e validazione del sistema, integrazione del sistema sull’UVS e validazione finale in ambiente operativo.

Uno strumento software sarà sviluppato per facilitare l’individuazione e la classificazione dei target (e.g. sovrapposizione fra immagini nel visibile, immagine acustiche e immagini termiche; sviluppo di un tool di classificazione basato su algoritmi di intelligenza artificiale).
Sarà sviluppata una stazione di controllo per la gestione remota.

Conclusioni

Il principale risultato atteso dal progetto MARIN è un sistema unmanned per scopi di monitoraggio e sorveglianza, composto da una piattaforma navale, un sensore acustico di superficie, una squadra di droni aerei e una stazione di comando e controllo terrestre per la gestione da remoto. Il sistema integrato potrà essere utilizzato per vari scenari, tra i quali: pattugliamento costiero, ricerca e soccorso (SAR), tracking di droni aerei.

La crescente richiesta di servizi ISR (Intelligence, Surveillance and Reconnaissance), monitoraggio della qualità delle acque, sicurezza marittima sulle minacce (e.g. pirateria e terrorismo), necessità di dati oceanici e mappatura sono fra i fattori principali che guideranno il mercato degli UVS, breakthrough tecnologico per il mercato delle forniture navali.

Consorzio

1. Seastema S.p.A 2. RINA Consulting S.p.A. 3. Co.M.Media S.r.l.

Loghi MARIN project

 

Potrebbero interessarti anche