Certificazione per Patient Safety & Quality Manager: iscriviti all'esame

Questa certificazione consente di accreditare i requisiti di competenza e conoscenza nei processi in ambito sanitario, richiesti dalla Legge 8 marzo 2017, n. 24

La certificazione dei Clinical Risk Manager e Patient Safety & Quality Manager è una modalità di riconoscimento terzo della professionalità di chi opera nel campo della qualità e sicurezza delle cure, introdotta da autorevoli clinical risk manager, medici legali e medici igienisti italiani per garantire livelli di conoscenza, competenza ed esperienza adeguati alla funzione.

Nello specifico, il Patient Safety & Quality Manager è il coordinatore della sicurezza e qualità delle cure, cioè un dipendente, non medico, del servizio sanitario con laurea magistrale e adeguata formazione ed esperienza nella gestione del rischio sanitario, ritenuto idoneo a svolgere l’attività di coordinatore della gestione del rischio sanitario.

Se ritieni di soddisfare i requisiti minimi richiesti -sintetizzati qui di seguito ma approfonditi nella scheda integrativa-, iscriviti alla data di esame che preferisci.

 

Requisiti minimi richiesti per la certificazione per PSQM

Classe delle lauree magistrali o lauree di secondo livello e lauree magistrali nelle scienze delle professioni sanitarie.

Per i professionisti che durante i suddetti corsi di laurea non hanno mai seguito lezioni in gestione del rischio clinico, sicurezza delle cure, ergonomia e fattore umano applicati alla sanità è previsto un corso propedeutico integrativo di sistematizzazione delle conoscenze, pari a 1 CFU, da svolgere prima della formazione di cui al successivo paragrafo.

Evidenza di un master di I o II livello in gestione del rischio clinico, sicurezza delle cure, qualità e accreditamento, ergonomia e fattore umano per almeno 60 CFU / 140 ore.

Esperienza almeno triennale nell’arco degli ultimi dieci anni, durante i quali sia stata effettuata l’analisi di almeno 10 eventi sentinella e 3 analisi proattive, svolta in strutture di gestione del rischio clinico e sicurezza del paziente, qualità e accreditamento o nel campo della medicina legale o ingegneria clinica o nei servizi di prevenzione e protezione o nell’ambito di reparti clinici o di servizio (radiologie, laboratori di analisi o di anatomia patologica)

6 mesi di stage presso un centro regionale per la gestione del rischio sanitario e la sicurezza del paziente, come stabilito dalla legge 24/2017 (sicurezza delle cure e responsabilità professionale) o struttura aziendale semplice o complessa pubblica o privata per la gestione del rischio clinico, la sicurezza del paziente, qualità e accreditamento; lo stage può basarsi anche su un progetto e programmi di lavoro documentabili svolti in collaborazione con le suddette strutture.

Chi si candiderà da oggi al 31 dicembre 2020, potrà sfruttare la disciplina transitoria che consente, come previsto nella scheda integrativa al punto 4.2, di ammettere all'esame candidati attualmente operativi e con incarico specifico nell’ambito della gestione del rischio clinico attribuito dalla propria amministrazione nel servizio sanitario pubblico e privato, che soddisfino i seguenti requisiti:

- Laurea nell'ambito della classe delle lauree magistrali o lauree di secondo livello e lauree magistrali nelle scienze delle professioni sanitarie

- Formazione post-laurea erogata da università, od in collaborazione con esse, in gestione del rischio clinico o in ergonomia e fattore umano di almeno 60 CFU/140 ore 

- Almeno 3 anni di esperienza lavorativa, negli ultimi 10 anni, nell’ambito della qualità e sicurezza delle cure

I tuoi dati
Esame di certificazione
Documenti

Allega i documenti che attestino la soddisfazione dei requisiti minimi

Privacy policy