Rina Services

Scegli il paese


Al fine di garantire i requisiti di sostenibilità dei prodotti, dalle materie prime al prodotto finito, la certificazione volontaria ISCC PLUS attesta la sostenibilità della biomassa sostenibile o di prodotti a base di biomassa tra cui alimenti, mangimi, bioplastiche e altro.
L’obiettivo è che lo standard della sostenibilità diventi un requisito obbligatorio nel mercato tradizionale delle materie prime, dei prodotti intermedi e dei prodotti finiti. Inoltre questa certificazione fornisce ai consumatori la possibilità di scegliere tra prodotti sostenibili e non.

​DETTAGLI DEL SERVIZIO

La certificazione ISCC PLUS è una dichiarazione formale di riduzione dei gas serra e dei consumi, che si ottiene attraverso il controllo dei requisiti di sostenibilità, della tracciabilità, del bilancio di massa dell’intero sistema. Essa fornisce un valore aggiunto, al fine di dimostrare ai clienti la sostenibilità dei loro prodotti.
L’intero sistema è sottoposto ad audit effettuati da enti di terza parte, per garantire l’imparzialità nella valutazione. Il certificato ha la validità di un anno. Si possono infine aggiungere eventuali estensioni ad altri settori come boschi cedui a rotazione, bioplastiche, alimenti.

​PERCHÉ SCEGLIERE RINA SERVICES? 

RINA SERVICES ha le competenze approporiate per effettuare gli audit ai fini della certificazione ISCC PLUS. Il nostro staff altamente qualificato esegue la valutazione del rischio, conduce gli audits, rilascia certificati e dichiarazioni di conformità, gestisce un registro delle parti coinvolte, trasmette i dati alle autorità competenti (se necessario, agli operatori economici o a ISCC), prepara report e comunicazioni, archivia e gestisce le informazioni.

​FASI E TEAM DEL SERVIZIO

Nel dettaglio, la certificazione ISCC PLUS può essere individuale o di gruppo, per esempio applicata per gruppi omogenei di produttori agricoli. Gli attori del sistema di certificazione che ricevono fisicamente i prodotti sostenibili possono essere le aziende agricole/le piantagioni, i primi punti di raccolta, i fornitori/i depositi, le unità di conversione e gli operatori commerciali.
Gli elementi della catena di approvvigionamento che non ricevono fisicamente i prodotti sostenibili, possono chiedere la certificazione su base volontaria, mentre chi effettua il trasporto non deve richiedere alcuna certificazione.​

Nome
Cognome *
E-mail *
Societá *
Paese
Cittá
Telefono

Richiesta informazioni

Grazie per averci contattato.