Rina Services

Scegli il paese

Skip Navigation LinksRINA Services >> keytopics >> Decreto Legislativo 102/2014

Decreto Legislativo 102/2014


Secondo il D.lgs 102/2014, le organizzazioni pubbliche e private hanno l’obbligo di effettuare la diagnosi energetica entro il 5 dicembre 2015 (e successivamente ogni 4 anni).
Il Decreto costituisce il recepimento italiano della Direttiva Efficienza Energetica 2012/27/UE, e introduce una serie di misure cogenti e volontarie per monitorare il consumo energetico della propria organizzazione e individuarne opportunità e strategie di miglioramento.

A CHI SI APPLICA?

L’obbligo di diagnosi energetica si applica a...
  • Grandi imprese
  • Imprese a forte consumo di energia
  • Pubbliche Amministrazioni
Le PMI non sono soggette all’obbligo di legge, ma è previsto un sistema di incentivi e finanziamenti per le diagnosi energetiche.

COSA DEVONO FARE LE IMPRESE?

  1. La diagnosi energetica deve essere condotta da uno tra questi soggetti abilitati:
    • Auditor energetico (standard di qualifica: UNI EN 16247-5)
    • EGE – Esperto nella Gestione dell’Energia (standard di qualifica: UNI CEI 1133)
    • ESCo – Energy Service Company (standard di qualifica: UNI CEI 11352)
  2. Le imprese sono esenti dall’obbligo di diagnosi energetica se hanno adottato sistemi di gestione con almeno una tra le seguenti combinazioni:
    • Registrazione EMAS + audit energetico conforme all’allegato 2 del Dlgs 102/2014
    • Certificazione ISO 14001 + audit energetico conforme all’allegato 2 del Dlgs 102/2014
    • Certificazione ISO 50001
  3. Le imprese a forte consumo di energia sono inoltre obbligate a dare progressiva attuazione agli interventi di efficienza individuati dalle diagnosi energetiche.
  4. Le imprese, sia quelle che effettuano la diagnosi energetica sia quelle esenti, sono tenute a comunicare a ENEA tutti i risparmi di energia conseguiti rispetto all’anno precedente.